Berlusconi porta sfiga? Dubai in crisi…

novembre 30, 2009

Sembra che ovunque vada succeda il nefasto… Preso a caso su internet

“-) E’ di nuovo al governo da cinque mesi e l’economia proprio ora sta affrontando la più grossa crisi mondiale dal 1929!
-) Notizia di oggi: L’ITALIA RADDOPPIA IL DEFICIT!!!
-) La BANCA CENTRALE EUROPEA dice che l’europa è a rischio! Stanno fallendo colossi mondiali bancari!!
-) Scoppia il conflitto fra Russia e Georgia. Dagli Stati uniti si torna a parlare di Guerra fredda…

E ora, per rinfrescare la memoria a chi ce l’ha corta ricordo cosa è successo dal 2001 al 2006 QUANDO HA GOVERNATO SILVIO BERLUSCONI:
1) Berlusconi va al Governo e comincia la recessione dopo anni di boom clamoroso e, contro le regole d’oro dell’economia: ovvero in presenza di bassi tassi di interessi e d’inflazione bassissima.
2) Si dichiara vicino agli alleati americani al momento della vittoria delle elezioni e tirano giu le Torri Gemelle.
3) Si interessa personalmente delle fioriere e dell’organizzazione del G8, e scoppiano moti di piazza e ci scappa il morto, Non accadeva dai lontani anni 70…..
4) Decide di spostare i voli da Milano a Roma Fiumicino e cade il primo aereo da sempre a Linate, ma non in giro, sugli hangar!
5) Vicino alla sua villa di Arcore si scatena un tornado devastante che gli abitanti non ricordano a memoria d’uomo.
6) Promette che assisterà alla finale dei Mondiali a fianco dell’Italia e la Nazionale viene immediatamente esclusa agli ottavi di finale
7) Varato il primo “pacchetto” dei 100 giorni del programma Berlusconi: subito dopo si verificano 6000 licenziamenti nel settore turismo. Aggiungerei a questo proposito che dopo il varo del pacchetto sul lavoro, Berlusconi stesso ha licenziato un extracomunitario alle sue dipendenze….Terim !!!!!
Sostiene la legge Bossi Fini per risolvere il problema dell’immigrazione, e si moltiplicano gli sbarchi di extracomunitari in Italia
9) Sostiene con ottimismo la ripresa dell’economia italiana, contro ogni evidenza, e a distanza di un anno dal suo insediamento, si profila la chiusura della principale industria meccanica italiana: la Fiat
10) Dichiara che finalmente si costruirà il ponte sullo stretto di Messina e immediatamente l’Etna si risveglia!
11) Si dichiara grande amico di Putin, lo invita a casa, e parte l’escalation del terrorismo in Russia
12) Promette che con la finanziaria metterà in atto la promessa di fare qualcosa per aiutare il sud, e si scateno terremoti in tutto il Meridione
13) Da quando sono suo amico sembrava mi dovesse andare bene ed invece sul più bello … ZACCHETE mi busco 11 anni!! Saluti da PREVITI
14) invita Putin e le figlie in Sardegna, e in Cecenia scoppia il finimondo
15) il 5 ottobre augura buona partita all’Inter e questi prende una batosta. Ora manderà una lettera agli italiani. Non apritela cestinatela.”

E’ appena stato a Dubai e guarda che casino… Non è che è proprio vero?

Ora tralasciando le sciocchezze, veniamo a qualcosa di concreto, le sue riforme : la robin tax un flop, i tremonti bond non se li è filati nessuno, la social card richiesta solo da un terzo del previsto è costata molto, le ronde un flop, il lodo alfano bocciato, la finanziarina blcocata dal deficit, lo scudo fiscale che “non faremo più condoni”… Secondo me non sanno più che pesci prendere. E adesso si prospetta il processo breve (morto)…

Parlando di Dubai, io credo che sia fisiologico. In questi anni avremo un sacco di crisi e minicrisi. Le regole non sono cambiate come auspicato, quindi il gioco è sempre lo stesso, appena si può si ricomincia a speculare e cercare il guadagno facile. Casualmente le banche, prima causa della crisi, sono già coi conti floridi e fuori dalla crisi. Vi linko un mio precedente post “c’è grave crisi


Il senso di B per la mafia

novembre 30, 2009

Parafrasando un famoso libro… eccoci a riparlare del premier.

Ha recentemente dichiarato “strozzerei chi fa libri e film come la piovra”. Bravo usa proprio un metodo mafioso (strangolamento) contro chi parla di mafia. A quando scioglie nell’acido i giudici?
La coerenza poi s’illumina d’immenso quando il maggiore campione d’incassi “il capo dei capi” è un suo prodotto, Gomorra l’ha prodotto la Medusa e vogliamo andare avanti? Quando le fiction sulla mafia fanno fare soldi, tutto a posto, quando queste “rovinano”  l’immagine dell’italia, bisogna strozzarli tutti e mettere a tacere, negare che la mafia stessa esista.

Michele Placido infatti risponde per le rime : “Berlusconi dovrebbe strozzarsi da solo visto che la fiction su Riina è di Canale 5”

Veniamo invece all’autoelogio : “Contro la mafia ho fatto più di chiunque altro”  . E infatti a memoria d’uomo non si ricordano presidenti del consiglio che per tenere a bada i mafiosi se li porta in casa o in parlamento.

Dell’Utri annuncia di voler togliere il reato di “concorso esterno in associazione mafiosa”, casualmente reato per cui è stato condannato in primo grado a 9 anni. (cosa c’entra dell’Utri con Berlusconi? Alessandro Sallusti docet)

Il senso di B per la mafia… uscirebbe un bel libro. Per il momento vi consiglio di leggere la ristampa aggiornata de “l’odore dei soldi” libro di Travaglio ed Elio Veltri. Potrebbe essere un buon regalo di natale. Nel frattempo aspettiamo l’intervista televisiva a travaglio nel programma di Luttazz… ah già…


White Christmas, l’ennesima porcata razzista-leghista

novembre 30, 2009

Leggo con sgomento l’ennesima iniziativa razzista nel nostro paese, tra l’altro vicino casa mia…
Dall’articolo originale :

“Il lato notevolmente vigliacco di questa vicenda è che l’operazione di rastrellamento degli immigrati (“andremo casa per casa a controllare”) la giunta leghista l’ha chiamata White Christmas, che non vuol dire Bianco Natale, ma Natale di razza bianca. Sapendo benissimo di pronunciare una bestemmia proprio nei confronti del neonato – che si annunciò come una promessa di convivenza venendo al mondo povero, indifeso e migrante – che il Natale celebra e che loro imbrattano.

Tocca vedere in questa brutta Italia pure un ministro come Ignazio La Russa sbraitare in tv a difesa del crocefisso negli edifici pubblici. E per farlo, spalancare gli occhi: “Non lo toglieremo mai!”. E poi stringere i braccioli della sedia, gonfiare le vene del collo, gridare tre volte: “Possono morire! Possono morire! Possono morire!”. Senza neanche sospettare quanto sia grottesco difendere uno dei maggiori simboli della sofferenza umana, promettendone altrettanta.”

debbo aggiungere altro?


Quando il brigatista è lo stesso giornalista

novembre 30, 2009

Un po’ vecchina come notizia. Sembra che un giornalista della sede genovese del “giornale” si sia autominacciato.
Ha fatto trovare un volantino delle BR sotto la redazione, minacce alla redazione e al collaboratore Guzzardi. Proprio Guzzardi sarebbe l’autore del volantino. Ora rischia grosso per procurato allarme e simulazione di reato.

C’è da farsi una domanda. Secondo voi perchè si è autominacciato?


Lodo tris

novembre 27, 2009

Riproporremo il lodo alfano

“So’ de coccio” direbbe qualche mio amico romanaccio… Anche se lo propongono costituzionale, devono cambiare l’art 3 o derogarlo. Come diceva giustamente il premier “Non credo che gli italiani siano così coglioni” … Almeno lo spero.

Intanto l’attacco alla magistratura continua.

Ho deciso di fargli un favore: a carnevale mi vesto da toga rossa. Almeno lo potrete dire anche voi che che esistono.


Divieto, divieto e divieto

novembre 27, 2009

Questa è forse la maggiore sinstesi delle proposte leghiste.
Divieto al kebab, divieto al gelato, divieto al clandestino e in ultimo divieto di fumo in auto.
Io proporrei un divieto di sparare ulteriori cazzate. E’ forse l’unico che serve.

E’ vero forse che il fumo distrae un pochino l’autista nell’atto di posare la cenere o accendere la sigaretta… però sono già tutti incazzati la mattina almeno fateli rilassare un attimo i nervi! La cosa non ha senso secondo me per gente che in macchina fa moltissimi chilometri o in macchina ci lavora ed è costretto a starci molte ore. E se sono fermo?

Insomma molti dubbi e un unica certezza, DIVIETO.


L’isola che c’è

novembre 23, 2009

Per favore, almeno nel nostro piccolo cerchiamo di evitare lo spreco di carta, plastica, vetro etc…
E’ per il nostro bene, per il bene del pianeta, per il nostro futuro.